“Le campane de Natà-Le campane di Natale” di Bice Piacentini Rinaldi

1163

di AMERICO MARCONI –

“Le campane de Natà” è una delicata e bella poesia di Bice Piacentini Rinaldi. Fa parte della raccolta “Sonetti Marchigiani” pubblicata a Roma nel 1926. Nell’ introduzione, dedicata al lettore, Bice scrive: «Questi versi nel vernacolo di San Benedetto del Tronto furono unicamente ispirati dall’amore infinito che nutro per la terra dove nacqui e trascorsi tanta parte della mia vita. […] Non hanno pretese d’arte, ma forse sapranno parlare a qualche cuore. Né chiedono di più».

Senète a fféste, Jasecriste ha nate,
campane bbèlle de pace e d’amòre!
ʼN terre ha calate ʼllu Ddie Redentòre:
senète a ffèste tutte la nuttate!

Campane mîne, maje sòvve scurdate,
bbènche lentane, e ugn’anne de chèst’òre,
ʼnzimbr’ a’ssu sune me revè’ a lu còre
lu recurde ppiù bbille e ʼppassiunate

de ʼlla nótte che ʼn chélla cchîcia, pîne
de cante e lluce, acchîche a-ss’accustètte,
mentr’j tremì sentennelu vecine.

E senèste, campane bbenedètte,
mentr’jsse me decì: ddelizia mîne!
e ʼsta mà’ tra le sûne se streggnètte!

Suonate a festa, Gesù Cristo è nato
campane belle di pace e d’amore!
In terra è sceso il Dio Rendentore:
suonate a festa tutta la nottata

 Campane mie, mai vi ho dimenticato
benché lontane, e ogni anno in queste ore
insieme a quel suono mi ritorna al cuore
il ricordo più bello e appassionato

di quella notte che in quella chiesa, piena
di canti e luce, pian piano si avvicinò,
mentre io tremavo sentendolo vicino.

E suonaste, campane benedette
mentre lui mi diceva: delizia mia!
e questa mano tra le sue mani strinse.

Copyright©2018 Il Graffio, riproduzione riservata