Montefiore dell’Aso, l’Infiorata riparte alla grande con un boom di presenze

di REDAZIONE –

MONTEFIORE DELL’ASO – Boom di presenze per la XX edizione dell’Infiorata, anno di ripartenza dopo le ultime due edizioni segnate dalla pandemia. Moltissimi turisti hanno affollato le vie dell’Infiorata nel giorno del Corpus Domini ma anche, e soprattutto, la notte del sabato, quando l’atmosfera nel borgo si è fatta magica grazie alle luci, le decorazioni e il lavoro minuzioso di centinaia di mastri infioratori e collaboratori che hanno operato fino alle prime luci dell’alba per realizzare le splendide opere poi attraversate dalla processione. Per gli organizzatori è giunto il momento dei ringraziamenti: «A partire dalle delegazioni italiane che ci hanno stupito con i loro lavori e le loro peculiari tecniche; i bambini e ragazzi delle scuole di Montefiore dell’Aso, Monterubbiano e Monte Vidon Combatte che hanno animato e colorato la via dell’Infiorata dei Ragazzi, l’Istituto Istruzione Superiore Bonifazi di Civitanova Marche che, oltre alla realizzazione di un’opera sul selciato, ha esposto abiti e organizzato un laboratorio a tema, il Gruppo Decoro dell’Infiorata dei ragazzi che ci ha stupito con le splendide realizzazioni che abbiamo potuto ammirare lungo la via, il Gruppo Corale di Montefiore che ha animato la Santa Messa e la processione, l’Amministrazione Comunale e i suoi dipendenti, gli esercenti, aziende, cooperative e associazioni e tutti coloro che in vario modo hanno collaborato per mesi per la riuscita di questa storica manifestazione. Ultimi ma non ultimi i mastri infioratori grazie ai quali ogni anno possiamo rivivere la magia dell’Infiorata».

Copyright©2021 Il Graffio, riproduzione riservata