San Benedetto, tanti applausi alla Palazzina Azzurra per i finalisti del Premio Strega

di ELIANA NARCISI (ELIANA ENNE) –

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Bellissima serata per San Benedetto del Tronto che ieri sera, sabato 20 giugno, ha ospitato alla Palazzina Azzurra i finalisti del Premio Strega. Un grande evento, il primo dell’era Covid patrocinato dall’Amministrazione comunale, ripreso dalla Rai e condotto da Stefano Petrocchi, presidente della Fondazione Bellonci e Mimmo Minuto, presidente dell’associazione I luoghi della scrittura che ha organizzato l’evento nel rispetto del Protocollo previsto offrendo al pubblico, oltre ai consueti posti a sedere opportunamente distanziati, anche la visione attraverso un maxi schermo nel garden adiacente e una diretta streaming su YouTube e Facebook. Sei gli autori rimasti in gara, e non cinque come gli altri anni, per via del regolamento del Premio che prevede in ogni caso la presenza in finale di almeno un’opera pubblicata da un Editore medio-piccolo: Jonathan Bazzi, Gianrico Carofiglio, Gian Arturo Ferrari, Daniele Mencarelli, Valeria Parrella (questa sera assente per motivi familiari)  e Sandro Veronesi. E ognuno di loro ha scelto di raccontare qualcosa del proprio romanzo e di rivelare quale, fra gli altri candidati, è il suo preferito e perché.

Due sono i protagonisti del romanzo d’esordio di Jonathan Bazzi, Febbre (Fandango Libri): Rozzano, il paese in cui l’autore ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza e la febbre comparsa improvvisamente un lunedì di gennaio 2016 e mai più andata via. Il romanzo alterna il passato del bimbo cresciuto in periferia, il dolore per la separazione dei genitori, il bullismo subito a scuola, lo squallore delle case popolari, al presente in cui è un uomo di trent’anni che vive e lavora al centro di Milano e che scopre di essere sieropositivo.

Nuovo caso per l’avvocato Guido Guerrieri, protagonista del romanzo di Gianrico Carofiglio La misura del tempo (Einaudi), che si deve occupare della difesa del figlio di Lorenza, suo grande amore di gioventù mai dimenticato. Guido la ricordava bella e sfuggente, negli anni i pensieri si sono mescolati a fantasie e nostalgie che hanno contribuito a idealizzarla. Oggi invece Lorenza è una donna diversa, invecchiata, dimessa. Un dialogo tra passato e presente che diventa occasione per fare il bilancio di una vita e per fare i conti con se stessi.

Il Ragazzo italiano di Gian Arturo Ferrari (Feltrinelli) è Ninni, bambino prima, ragazzino e ragazzo poi, che vive un’infanzia molto difficile a causa di una grave balbuzie, un’adolescenza complicata da un rapporto conflittuale col padre mai risolto e che scova, infine, la luce in fondo al tunnel grazie alla lettura e all’amore per i libri. Sullo sfondo, l’Italia del secondo dopoguerra e della ricostruzione.

Premio Strega Giovani per Tutto chiede salvezza di Daniele Mencarelli (Mondadori), romanzo autobiografico che racconta i sette giorni del ricovero ospedaliero coatto subito a vent’anni e che mostra senza filtri la malattia mentale nei suoi aspetti più delicati, i limiti della psichiatria incapace di cogliere davvero il dolore di chi soffre di una patologia psichica, il legame che nasce tra i ricoverati per TSO.

Almarina di Valeria Parrella, (Einaudi) è ambientato a Nisida, un’isola dove i ragazzi non possono andare al mare. É un carcere minorile sull’acqua ed è lì che Elisabetta, vedova e senza figli, insegna di matematica. Almarina è un’allieva nuova, scappata dal suo Paese per fuggire da un padre violento e finita suo malgrado a commettere piccoli crimini per sopravvivere. Due donne  diverse, due solitudini compiute, due anime che cercano disperatamente una seconda occasione. Un romanzo intenso ed emozionante ma anche di critica sociale.

É la morte il tema centrale de Il colibrì, ultimo romanzo di Sandro Veronesi (La nave di Teseo). Il lutto è una presenza costante nella vita del protagonista, ma non ha un’accezione negativa. In realtà, una volta elaborato, diventa occasione di ripartenza e addirittura motivo per sperare in un futuro migliore in cui dare importanza al rispetto per gli altri e per l’ambiente.

Copyright©2020 Il Graffio, riproduzione riservata