Passeggiata con gusto a Potenza Picena, a luglio e agosto navetta e visite guidate gratuite

486

di RAFFAELLA CIUFO –

POTENZA PICENA – Per quanti vogliono usufruire del servizio gratuito di navetta, con partenza da Porto Potenza Picena, o chi intende raggiungere autonomamente questa piccola perla delle colline marchigiane, l’appuntamento è ogni martedì e venerdì alle ore 18 per tutto il mese di luglio e agosto. Il punto di ritrovo è presso la Chiesa della Beata Vergine della Neve, appena fuori la porta principale della cittadina. Una piccola chiesa fuori le mura, costruita come altre in passato ad ogni porta d’accesso al borgo medievale, denominato Monte Santo fino al 1862.  Di particolare interesse, seguendo il programma della visita, gli antichi telai Jacquard ancora funzionanti presso l’Istituto delle Figlie dell’Addolorata, le cosiddette “Monachette”, che con maestria hanno saputo creare fino alla seconda metà del secolo scorso metri e metri di rinomati broccati e damaschi in seta e lana, per paramenti liturgici di finissima fattura, ma che hanno anche rivestito le pareti delle più importanti case nobiliari soprattutto marchigiane, come Casa Leopardi a Recanati.

Le numerose chiese del centro storico – un tempo se ne contavano ben 27 – raccolgono ciascuna importanti tesori artistici. Come pregevole per architettura e ornamenti è il piccolo Teatro dedicato a “Bruno Mugellini”, illustre potentino (1871-1912), pianista e compositore di successo, di cui vanno ricordati anche i suoi importanti studi per il rinnovamento della tecnica pianistica in Italia.

La visita guidata si conclude con una degustazione enogastronomica di tipicità al “Pincio”. I giardini di Potenza Picena, una vasta area verde in cui campeggia l’imponente e ultracentenario Cedro del Libano fra i tigli della passeggiata del belvedere, che offre una meravigliosa veduta panoramica dai Sibillini all’Adriatico, fra le più suggestive delle colline marchigiane. Il “Pincio” è anche custode del ricordo della forte emigrazione potentina in Argentina, con la “Piramide de Mayo”, un obelisco innalzato nel 1966 per volontà della “Società Potentina di Mutuo Soccorso di Buenos Aires” e che è una fedele riproduzione in dimensioni ridotte dell’originale “Piramide”, situata al centro di Plaza de Mayo a Buenos Aires. In testimonianza dell’amore sempre vivo dell’emigrante per le proprie radici insieme alla gratitudine per l’accoglienza nella nuova terra d’appartenenza.
Info: Potenza Picena Turismo  tel. 0733.679260/18

Copyright©2019 Il Graffio, riproduzione riservata

Le preziose decorazioni del piccolo Teatro “Bruno Mugellini”