Festival Libriamoci 2018, a Macerata i “Brutti anatroccoli” diventano cigni

532

di REDAZIONE –

MACERATA – «Alla Galleria Antichi Forni di Macerata ancora si sforna dell’ottimo pane, quello della cultura e del buon libro illustrato. Da 24 anni Libriamoci ci regala due settimane speciali per volare con la fantasia e l’immaginazione grazie a illustrazioni di altissima qualità». Con queste parole l’assessore alla cultura del Comune di Macerata, Stefania Monteverde, ha dato il via sabato 1 dicembre all’inaugurazione presso la galleria Antichi Forni della 24a edizione di “Libriamoci, il Festival del libro illustrato”, evento promosso dal Comune di Macerata con la direzione artistica di Ars in Fabula. La mostra si intitola “Brutti anatroccoli”  e l’immagine è il  brutto anatroccolo della famosa fiaba, ricreato da Veronica Ruffato, artista di grande valore nata sui banchi della scuola di specializzazione nell’arte dell’illustrazione, Ars in Fabula di Macerata.

«Per noi gli allievi sono un po’ come dei brutti anatroccoli – ha detto il direttore di Ars in Fabula, Mauro Evangelista –  Il nostro sogno è quello di vederli spiccare il volo trasformati in splendidi cigni. Questa è la nostra missione da circa venti anni». E in splendidi cigni, come nel racconto di Andersen, si sono trasformati i tre illustratori che provengono dalla scuola di Ars in Fabula, Veronica Ruffato, Elena Ceccato, Marco Marinangeli , che espongono agli Antichi forni le loro illustrazioni, rispettivamente realizzate per gli editori Zoo Libri (Il brutto anatroccolo), Carthusia (L’usignolo) ed Orecchio Acerbo (Il coccodrillo).

Una delle novità di quest’anno è l’esposizione dei lavori degli studenti del corso di illustrazione Entry-Level Ars in Fabula, il corso dedicato ai principianti, che si sono cimentati nell’illustrare opere di grandi autori: Esopo, Hans Christian Andersen, Fëdor Dostoevskij, Guy de Maupassant. Un interessante panorama di classici interpretati da illustratori emergenti. È  l’illustratrice Veronica Ruffato – che ha realizzato anche l’immagine di Macerata d’Inverno 2018 – che firma le tavole del celeberrimo Canto di Natale di Charles Dickens (casa editrice Eli Readers), racconto che ci fa riflettere sulle diversità sociali e sul senso profondo del Natale.  L’immagine della diversità che viene proposta in questa ventiquattresima edizione di Libriamoci è quella dell’opportunità di arricchimento e di crescita, occasione per conoscere e conoscersi.

La mostra sarà aperta fino al 16 dicembre, da lunedì a sabato dalle ore 8,30 alle 13 e dalle ore 16 alle 20, domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16 alle 20. Come di consueto uno spazio della rassegna è dedicato alla mostra-mercato del libro illustrato, bookshop – a cura di Bottega del Libro e Libreria del Monte – che spazia dai classici dell’infanzia alle ultime novità editoriali italiane ed estere.

Durante il festival sono tanti gli appuntamenti con gli autori di Libriamoci 2018, tra gli ospiti: l’illustratrice Sonia Maria Luce Possentini, la scrittrice Lucia Tancredi per un viaggio con i bambini tra le opere di Lorenzo Lotto, lo storico dell’illustrazione Walter Fochesato, la giornalista ed esperta di editoria per l’infanzia Carla Ida Salviati. Una delle novità di quest’anno sarà l’esposizione dei lavori degli studenti del corso di illustrazione Entry-Level Ars in Fabula che si sono cimentati nell’illustrare opere di grandi autori: Esopo, Hans Christian Andersen, Fëdor Dostoevskij, Guy de Maupassant. Un interessante panorama di classici interpretati da illustratori emergenti.

In programma mattina e pomeriggio visite guidate gratuite per le scuole (nell’ultima edizione hanno partecipato oltre cento bambini al giorno), arricchite dalla presenza degli illustratori ospiti. Nel fine settimana sono previsti appuntamenti no stop dedicati all’albo illustrato. Il programma dettagliato, le informazioni e le prenotazioni delle visite per le scuole su www.libriamoci.it, il sito del Festival che raccoglie testimonia con immagini delle precedenti edizioni la lunga storia del Festival Libriamoci a Macerata.

Copyright©2018 Il Graffio, riproduzione riservata