“Visioni e paesaggi”, i magnifici acquerelli di Eugenio Cellini a Grottammare

255

di REDAZIONE –

GROTTAMMARE – “Visioni e paesaggi” è il titolo della mostra di Eugenio Cellini che verrà inaugurata, giovedì 16 agosto alle ore 18, sotto il magnifico loggiato di Piazza Peretti, nel cuore del vecchio incasato di Grottammare. La personale dell’artista ripano è inserita nell’ambito della rassegna “Logge d’autore”, a cura dell’associazione Paese Alto di Grottammare.  Sarà possibile visitare la mostra fino al 22 agosto, ogni giorno dalle ore 18 alle 23,30. Numerose le opere esposte da Cellini in questo luogo così suggestivo e magico: tutti acquerelli che, con colori, trasparenze, velature e giochi tonali, raccontano prevalentemente, tra realtà e sogno, il paesaggio urbano, rurale e marino delle nostre amate Marche, rappresentato anche in miniatura.

«Cellini regala al riguardante, con le sue opere, l’occasione preziosa di recuperare sopiti ricordi ovvero di vivacizzare emozioni vissute, come pure accendere curiosità di conoscenza e di viaggio, un bilanciamento costante fra fascino concreto e sicuro della realtà e la capacità di affascinare dell’incanto. Ciò perché nei suoi acquerelli-non di rado anche in miniatura (quelli che il maestro chiama “acquerellicchi”) trovano ambito narrativo quasi esclusivamente i paesaggi» scrive il critico d’arte Pierluigi Rausei.

Eugenio Cellini vive a Ripatransone. Da sempre amante dell’arte e in special modo del paesaggio e dell’acquerello, ha svolto i suoi primi studi al liceo artistico di Pescara, dove ha avuto per amici fraterni due grandi artisti: Andrea Pazienza e Tanino Liberatore. Ha frequentato l’università di Architettura di Pescara per poi abilitarsi a Firenze, la città che più ama. Per un lungo periodo ha stampato serigrafie ed ha avuto contatti con artisti come Fazzini, Brindisi, Falconi, Pulcini e tantissimi altri. Grazie all’amicizia e alla collaborazione con il maestro Arnoldo Ciarrocchi, ha ampliato le sue conoscenze sull’incisione e ha riscoperto la passione giovanile per l’acquerello. Negli anni ha svolto diverse mostre personali, l’ultima a Ripatransone presso la cripta di San Giovanni Evangelista. Nel maggio 2018, ha fatto parte del Gruppo Italia all’ International Festival Urbino Acquerello. I suoi acquerelli sono visibili sulla pagina facebook dell’artista che ha spesso il piacere di condividere i propri lavori con amici e appassionati. Da molti anni è inoltre possibile ammirare la sua collezione di opere esposte in modo permanente all’interno del suo studio, una chiesa romanica ristrutturata, che si trova a Ripatransone, all’ingresso del corso principale del paese, in via Attone Bonaparte, vicolo caratteristico che sale da Piazza Marconi.

Copyright©2018 Il Graffio, riproduzione riservata