Tutti i “segreti” dell’azzurro fiordaliso

732

di RAFFAELLA CIUFO –

Del fiordaliso, scientificamente Centaurea cyanus come nel ‘700 classificò la specie il botanico svedese Linneo, si conoscono diversi altri nomi comuni. Fra cui “garofano del grano”, per il fatto di avere densamente punteggiato d’azzurro, assieme al vivace rosso dei papaveri, le sterminate distese di campi di grano, per secoli. Fino a quando non sono arrivati i diserbanti a fare, appunto, quanto gli si chiedeva di fare. Questo splendido e allegro fiore azzurro viene poi anche detto “erba degli incantesimi”, poiché beneaugurante nelle questioni di cuore. Secondo la tradizione popolare, un uomo che dona un fiordaliso alla sua amata, spera – nel significato simbolico del gesto – di ottenere da lei felicità, come a dire che l’amata avrà solo occhi per lui.

E curiosamente, nella tradizione popolare francese, il fiordaliso viene anche chiamato “casse lunette” (rompi occhiali), un nome che in modo ancora più esplicito allude al diretto legame del fiordaliso con gli occhi. Un legame benefico, noto nel patrimonio della saggezza popolare e che oggi confermano i risultati di studi scientifici, pubblicati a livello internazionale: per l’impiego oftalmico, il fiodaliso è risultato essere il rimedio naturale d’eccellenza nei casi di bruciore, gonfiore, secchezza.

Al fiordaliso sono state riconosciute proprietà astringenti, antinfiammatorie, decongenstionanti, lenitive, idratanti. Aiuta in caso di orzaiolo e di congiuntivite modesta. La sua preparazione più famosa in campo erboristico è l’Acqua di Fiordaliso, un distillato privo di qualsiasi additivo chimico. Fa bene, come impacco o spruzzato mediante apposito dispenser, su occhi stanchi, gonfi, affaticati, arrossati e ridona anche lucentezza, idratazione ed elasticità a tutta la zona perioculare. Si può dunque ben dire che il fiordaliso rappresenti un vero toccasana specialmente dopo una giornata passata davanti al computer o al mare. L’Acqua di Fiordaliso si trova già pronta in commercio, ma può anche essere preparata facilmente in casa, seguendo i consigli dell’erboristeria di fiducia.

Copyright©2018 Il Graffio, riproduzione riservata